Niccolò Masini | Tachyons – Alice 150 anni di meraviglie.
228
single,single-post,postid-228,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-2.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.4.4,vc_responsive

Tachyons – Alice 150 anni di meraviglie.

In occasione dell’inaugurazione di GenovaCONTEMPORANEA 2015 – II Esposizione Internazionale d’Arte Contemporanea a cura di Mario Napoli, sabato 12 dicembre si svolgerà una serie di eventi collaterali per celebrare il 150° anniversario del romanzo “Alice nel Paese delle Meraviglie”. Reading, video installazioni e performance a sorpresa ispirati ad un romanzo che rappresenta l’universo dell’immaginario.
“Alice nel Paese delle Meraviglie” è uno dei capolavori della letteratura per ragazzi e non solo: la molteplicità di significati nascosti tra le righe rendono il libro immortale, capace di affascinare il pubblico di ogni età e la critica. A centocinquant’anni dalla sua prima pubblicazione, SATURA rende omaggio a questo romanzo con un evento speciale in cui sarà presentata “Tachyons” video installazione del giovane artista Niccolò Masini.
Un video in cui l’oggetto in rotazione si ripete, frammentando la posizione del lettore nello spazio-tempo narrativo e sintetizzando in un’unica suggestione la totalità dei punti di vista: coniugando cioè le opzioni dello spettatore, quelle dell’autore e quelle di un possibile protagonista. La volontà dalla quale è stata ideata la video installazione di Niccolò Masini è quella di far comprendere al pubblico l’essenzialità del suo ruolo. Sono infatti i lettori stessi che consentono al racconto e soprattutto ai personaggi del racconto di continuare a vivere. Inoltre con quest’opera interattiva si riesce a ricreare, accanto alla realtà concreta, una sorta di realtà parallela, un vero e proprio “Paese
delle Meraviglie”, dato da un oggetto che muta continuamente e apparentemente al di fuori di ogni logica razionale; ci si ritrova in tal modo catapultati in un contesto di assoluto surrealismo.
L’influenza primaria viene da Lewis Carroll, ma potremmo identificarne altre, proprio perché l’opera si presta a diverse letture: che dire del Piccolo Principe che girava la sua sedia per ammirare un numero infinito di tramonti? È tuttavia il Wonderland a prestarsi maggiormente come sfondo. Durante “il tè dei matti”, i convitati cambiano continuamente di posto; ma tutto il romanzo mette in scena il mutamento: attraverso la trasformazione del corpo e delle parole il testo serpeggia tra le sottigliezze psicologiche, esattamente come in una foto di Francesca Woodman.
Durante l’inaugurazione si terranno il reading di Scarlet Nabi con brani tratti dal suo ultimo lavoro, ispirato dall’universo di Alice, e quello di alcuni passaggi cardine del libro di Lewis Carrol.

Tachyons – video installazione – 3min 23sec [looped]

Musica e suoni a cura di – Giovanni Stimamiglio

See details at here